Inviare un messaggio alla persona sbagliata e’ fretta o lapsus freudiano?

A chi non è successo di mandare un messaggio ad una persona a cui non si voleva? Ricordo quella volta che, convinta di scrivere al mio capo, scrissi ad una cliente spiegandole quanto lei fosse insopportabile e pretenziosa. Quando vidi la sua risposta mi resi conto dell’errore fatto e pensai che era stata tanta la sopportazione nei suoi confronti da doverglielo dire in maniera diretta pur non volendo. Freud non fece in tempo ad analizzare questa cosa visto che ai suoi tempi non apparteneva questa tecnologia, ma definire la questione lapsus freudiano ben interpreta il meccanismo. Successe anche a me di ricevere un messaggio sbagliato da quello che credevo il mio compagno, talmente sbagliato che scoprii l’esistenza di un’altra donna e la fine, a quel punto, della mia presunta storia d’amore. Anche in questo caso penso si trattasse di lapsus freudiano, forse lui voleva informarmi? Forse lui voleva sotto sotto farmi ingelosire? Non lo sapremo mai gli stesi sopra non un velo pietoso ma una lastra in cemento armato. Esistono però anche messaggi più innocui, tipo dare un appuntamento ad un amico al posto di un altro. Innocui? A pensarci bene anche no magari ci si mette nei guai. L’ultima mia distrazione recente, fu mandare la registrazione del fischio dei miei freni ad un mio collega anziché al meccanico suo omonimo. Consiglio, che sia freudiano o per fretta e’ sempre a doppio taglio. Rileggete non tanto il messaggio quanto il nome del destinatario e se proprio dovete farvi l’amante fatevi anche il secondo telefono .

 

3 commenti su “Inviare un messaggio alla persona sbagliata e’ fretta o lapsus freudiano?”

  1. Pensavo di aver mandato questo sms,a mio figlio”amore,tutto bene,come stai?”Invece è arrivato ad un signore di Crotone,anzi,l ha preso la moglie.La quale mi ha tenuto un ora al telefono,dicendomi che ero l amante del marito.Siccome,io mi ero scocciata,lei non intendeva,ho passato il telefono,a mio marito.Fine della telefonata. 😉

Rispondi