Le pulizie di Pasqua

Basta pensare a cosa non è stato o cosa poteva essere o cosa non sarà più. Buttate il passato con annessi e connessi e aprite lo spazio al nuovo. Non avete del nuovo? Fate spazio lo stesso, se stipate l’armadio di ricordi il nuovo non avrà spazio. Io insieme ai ricordi buttai un sacco di scarpe e così ebbi lo spazio per altre più belle. Si, non abbiate paura, il nuovo e’ sempre più bello , porta ventate di allegria e voglia di fare. Svuotate, svuotate e svuotate … Spazio alle novità. Attendere una cosa bella è meglio che crogiolarsi su un triste passato. Bene incominciate le pulizie di Pasqua e non smettete finché non avete buttato tutto, anche i ricordi che logorano. Il sole splende, gli uccellini cantano e voi dovete correre felici nei prati fioriti…. E mi raccomando, per quel che mi riguarda non nominatemi F , potrei chiedervi – F chi ? – e non chiamatemi Maria

 

Un commento su “Le pulizie di Pasqua”

Rispondi